#spazi aperti

Imprevedibili bellezze

La magia di un'aurora

Imprevedibili bellezze

© Ellen Anon

Lo scorso inverno andammo a Jokulsarlon in Islanda con la speranza di vedere le Luci del nord sopra la laguna glaciale. Nelle mia immaginazione, un'aurora riflessa nella laguna e punteggiata da iceberg dev'essere spettacolare. Tuttavia, perché lo sia anche nella realtà, una buona aurora deve coincidere con un bel cielo limpido.

Avevamo passato già diverse notti pregando di vedere un'aurora. Ogni volta le previsioni erano eccellenti, ma non potevamo vederla perché il cielo era troppo nuvoloso.

La notte in cui ho fatto questa foto, invece, le previsioni non erano affatto buone, ma decidemmo di tentare la fortuna comunque. Verso l'inizio della notte c'era stata una piccola aurora, ma il cielo era ancora troppo coperto, così ritornammo alla macchina.

Diverse ore dopo, ci sembrava che le nuvole stessero indietreggiando, ma era ormai notte piena, così decisi di sistemare l'attrezzatura vicino alla macchina. Tuttavia, quando il cielo si aperse improvvisamente su un'aurora sensazionale, non potevo non spingermi fino alla riva. Corsi giù (pregando di non inciampare e cadere al buio e che il momento magico continuasse) e decisi di cambiare l'obiettivo e usarne uno da 14 mm perché volevo catturare al meglio l'aurora e i suoi riflessi. Una volta che ci ero riuscito, l'aurora stava già coprendo la maggior parte del cielo. Per massimizzare l'effetto dei riflessi, ho appiattito il treppiede, piazzando la macchina quasi per terra. Per bilanciare l'esposizione del cielo e dei riflessi (i riflessi sono quasi sempre più scuri), tenni un panno per la pulizia sopra la parte alta dell'obiettivo per circa 10 secondi e continuai poi manualmente con un'esposizione di 35 secondi usando un cavo remoto. Quando si fotografano le aurore, è sempre meglio mantenere delle esposizioni di circa 30 secondi o inferiori, per limitare la visibilità dei movimenti delle stelle nell'immagine.

Le previsioni per l'aurora, scoprimmo poi, furono riviste post-aurora ... invece di un livello 1 o 2 come era stato previsto inizialmente, l'aurora che vedemmo era di livello 7. Quando si fotografano eventi naturali, a volte bisogna lasciarsi portare dal momento, nonostante le previsioni non ottimali con cui si parte.




Pinterest Tumblr

Ellen Anon

Ellen Anon conta su schede di memoria affidabili quando si tratta di affrontare condizioni ambientali tra le più estreme.
Leggi ancora

Hai mai visto un'aurora?



Condividi le tue storie Instagram

Usa la hashtag #sandiskstories per essere selezionato per questo sito.

Registrati per offerte speciali!

Ricevi offerte promozionali e suggerimenti fotografici da SanDisk.